Blog

Educazione alla legalità : microcriminalità e prevenzione

Educazione alla legalità

Educazione alla legalità . Bentrovati nella mio blog.

Perché parlare di Educazione alla legalità ?

Oggi la microcriminalità è, purtroppo, un problema abbastanza diffuso.
È una piega sempre più frequente, che riempie le nostre pagine di cronaca e che talvolta può diventare anche più preoccupante della vera e propria criminalità.
Riguarda la nostra vita quotidiana ormai.

Ancora oggi purtroppo, per aggressioni, furti, e quant’altro, ci sono alcuni quartieri nelle grandi città, in cui addirittura i tassisti si rifiutano di lavorare dopo una determinata ora, troppa è la paura di quello che potrebbe succedere.

Ancora oggi possiamo assistere all’eclissi” della legalità dovuta alla crescita dell’individualismo, della tendenza a “fare i propri comodi”, di una libertà individuale che s’afferma a scapito di quella collettiva, e dal cattivo esempio dei comportamenti pubblici.
Il fatto è che non sempre la criminalità è da attribuire per forza ai soggetti in questione.
Ci sono purtroppo anche in casi in cui si ruba magari per sfamare la famiglia, o si appartiene a determinati contesti sociali, che portano a manifestare determinati comportamenti come difesa.
Non bisogna fare sempre di tutta l’erba un fascio, e cercare di capire il caso singolo per intervenire, soprattutto se parliamo dei giovani. 

Un caso a sè è dato da chi non lavora, da chi cerca di portare a casa la sera quegli spiccioli che possono in minima parte farlo andare avanti, arrangiandosi con lavoretti sottopagati e sfruttati, o purtroppo, magari col contrabbando.
In questo caso, anche il cittadino comune, che acquista il capo le sigarette, d’abbigliamento o l’accessorio per strada, imitazione dell’originale, diventa inconsapevolmente “illegale”, perché magari risparmia sul prezzo, sapendo o meno da dove quella merce possa provenire.

L’argomento di Educazione alla legalità è molto vasto e potremmo dire tante tante cose, ma dobbiamo cercare di capire anche come prevenire anche il più piccolo episodio di illegalità.
Educazione alla legalità non vuol dire solo seguire leggi e proibizioni da far rispettare anche con misure repressive.
La forza dev’essere usata solo laddove strettamente necessario, solo dalla Polizia o dalla Magistratura e solo con l’unico intento di fermare il colpevole, non di danneggiarlo.

Ma cos’è in sè la legalità? E’ una pratica quotidiana di regole condivise; «la legalità è un’esigenza fondamentale della vita sociale per promuovere il pieno sviluppo della persona umana e la costruzione del bene comune». [CEI del 1991]

La legalità non è un valore in quanto tale ma è l’anello che salda la responsabilità individuale alla giustizia sociale. La regola parla a ciascuno di noi ma riguarda la società.

Alcune frasi che non dovremmo mai dimenticare per rendere l’ Educazione alla legalità legalità il valore fondante della vita:

“La mafia uccide, il silenzio pure…” (Peppino Impastato)

“La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni” (Giovanni Falcone)

“La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità” (Paolo Borsellino).

Ma vi devono essere i giorni dove si grida in cielo la #speranza, tutti la devono sentire quella #parola…giorni in cui si fa appello alla #responsabilità alla #condivisione.
E non un solo giorno… Giorni per sempre…
“Evitiamo il rischio di fare della legalità un idolo, essa è un mezzo per raggiungere un obiettivo importante che si chiama giustizia” (don Ciotti).

Educazione alla legalità : prevenzione

Per prevenire qualsiasi forza di violenza da ambo le parti, è bene avviare un percorso educativo già dalla scuola primaria, in collaborazione con associazioni no profit, istituzioni, parrocchie, ogni ente presente sul territorio che possa formare il futuro cittadino onesto e responsabile, a partire ovviamente anche dalla famiglia.
In tutto ciò, anche noi educatori e pedagogisti abbiamo un ruolo cardine!